Facciamo chiarezza.

Quando si parla di stampa su tessuto esistono diverse tecniche ed operazioni a cui poter ricorrere per ottenere un risultato più o meno soddisfacente. Ciò non significa però che ci sia una così ampia possibilità di scelta in quanto entrano in gioco diversi fattori, ognuno di essi necessario per determinare la messa in produzione e pertanto sarebbe opportuno privilegiarne una piuttosto che un’ altra.

Mi chiedete in molti quale sia la tecnica migliore da utilizzare, per questo motivo mi sento in dovere di sfatare alcune credenze popolari ed aiutarvi a valutare al meglio quale metodo sia più opportuno adottare per le vostre necessità.

Sono sicuro che questi consigli vi saranno d’aiuto per valutare quale tecnica scegliere e per produrre al meglio le vostre magliette o abbigliamento personalizzato.

SERIGRAFIA

      carta canta print shop roma      

 


Come funziona?

La serigrafia è un processo di stampa utilizzato nei secoli e che trova ancor oggi ampio utilizzo nel settore della stampa tessile di produzione. E’ un metodo che avviene artigianalmente e consiste nello spingere l’inchiostro attraverso un tessuto tesato su un telaio in legno o metallo, precedentemente fotoinciso. Principalmente, con lo stesso concetto utilizzato per la creazione degli stencil.

Avvalendosi di apposite presse, i telai vengono montati e calibrati in base alle necessità di impressione. L’inchiostro viene quindi spinto attraverso la seta da una racla per così filtrare attraverso le aperture del cliché rimaste libere.

 

Cose che dovresti sapere sulla serigrafia

Con la serigrafia, è possibile applicare un solo colore per volta, pertanto ogni colore presente nell’ artwork richiede un telaio ed un passaggio ad esso completamente dedicato. Richiede inoltre ulteriore tempo nella produzione, nella preparazione del cliché e nella messa in macchina del lavoro, il tutto si traduce in costi di produzione maggiori. Ecco perché la serigrafia è particolarmente indicata quando si ha la necessità di realizzare grafiche con pochi colori e su tirature medio-alte.

 

Come preparare correttamente i file per la serigrafia

I file necessari per stampe serigrafiche vanno suddivisi in colori SPOT dal nero ricco (il più comune ed utilizzato è composto da: C=63, M=52, Y=51, K=100) indifferentemente dalla tonalità utilizzata nell’inchiostrazione. Pertanto chiediamo di inviare un file per ogni colore utilizzato oppure di salvare l’intero lavoro in un file unico con i colori separati su più livelli.

Ad ogni modo, non preoccupatevi, il vostro lavoro verrà controllato direttamente dal nostro laboratorio prima di procedere con la lavorazione. Nel caso in cui ci fossero problemi, avrete quindi ancora modo di intervenire per risolvere.

Vantaggi della Serigrafia 

  • conveniente su tirature medio-alte
  • conservazione della matrice da poter riutilizzare per produzioni future
  • qualità, durata nel tempo e brillantezza nei colori, difficilmente riproducibili con altre tecniche
  • possibilità di utilizzare colori speciali (oro, argento, fluorescenti ecc.) e lavorazioni particolari (glitter, discharge, foil, rilievi ecc.)

Svantaggi della Serigrafia 

  • più complesso è il design, più ne costerà la realizzazione
  • sono presenti dei costi fissi per la preparazione e la messa in macchina
  • possibilità di stampare una sola grafica per volta

TERMOINTAGLIO

stampa magliette roma

Come funziona?

Essenzialmente, viene utilizzato per “emulare” la stampa serigrafica su tirature basse e poco definite, oppure per lavori che richiedano un cambio di soggetto per ogni pezzo (un esempio classico sono le divise sportive, stampate uguali ma con numeri diversi per ogni giocatore).

L’inchiostro viene sostituito con una pellicola di materiale poliuretanico che viene di volta in volta intagliata, spellicolata ed applicata manualmente una per una, questo comporta un costo di materiale maggiore e, ovviamente, un costo di manodopera. La pellicola così ottenuta viene poi posizionata e saldata uniformemente sul tessuto tramite termopressa.

Pur non avendo la stessa qualità ed elasticità che è possibile ottenere con altre tecniche di stampa, il termointaglio ha come enorme vantaggio quello di ottenere risultati migliori grazie ad una migliore definizione dei bordi, nonché la possibilità di scegliere la tipologia di pellicola da poter utilizzare per la personalizzazione del tessile.

 

Cose che dovresti sapere sul termointaglio

Come per la stampa serigrafica, anche nell’intaglio bisogna applicare un colore alla volta. In alternativa è anche possibile ottenere una buona quadricromia stampando direttamente sulla pellicola, come se fosse un regolare foglio di carta. Data la vasta selezione di pellicole presenti sul mercato è ad oggi possibile creare effetti particolari e ricercati (talvolta non riproducibili con altre tecniche) in base alla pellicola da voi scelta.

 

Come preparare correttamente i file per il termointaglio

Qui entra in gioco il vettoriale. Trattandosi di un tipo di lavorazione da intagliare (che non andrà perciò stampata) ciò che viene rilevato dalla macchina non sono i pixel, ma bensì il tracciato. Sia per quanto riguarda i testi che le immagini andranno scontornati e convertiti in linee e curve con spessore minimo (0,001pt), l’intero artwork andrà poi specularizzato e salvato in scala.

Vantaggi del Termointaglio 

  • conveniente per basse tirature o pezzi singoli
  • Ideale per testi e disegni semplici
  • Possibilità di realizzare effetti particolari (stampa di textures, rifrangente, glow ecc.)
  • gestione del posizionamento del design sul prodotto

Svantaggi del Termointaglio 

  • costi elevati per produzioni alte (materiale + manodopera)
  • durabilità inferiore nel tempo e ai lavaggi rispetto ad altre tecniche di stampa
  • impossibilità di riprodurre particolari molto fini e definiti
  • non traspirante

 

DTG (Stampa Digitale Diretta)

stampa magliette roma

Come funziona?

Con la stampa DTG, l’inchiostro viene applicato direttamente sul tessuto grazie alla tecnologia del getto d’inchiostro, tipico delle stampanti digitali di nuova generazione.

Queste particolari macchine riescono a realizzare riproduzioni complesse e definite anche in un solo esemplare, senza costi di impianto o messa in macchina. Essendo purtroppo stampanti per così dire “a cartucce” non abbiamo un ampia scelta di colori da poter utilizzare o ricreare effetti particolari com’è ad esempio possibile nelle due tecniche precedentemente esposte. Non è inoltre consigliabile per alte tirature dati i costi di produzione, difficili da ammortizzare anche sul grande quantitativo

 

Cose che dovresti sapere sulla stampa digitale diretta o DTG

Poiché la stampa viene eseguita da un programma attraverso un computer, la stampante DTG è estremamente precisa e in grado di realizzare stampe di immagini con dettagli molto dettagliati senza doversi preoccupare di nessun limite di colore. Risulta pertanto un sistema versatile e particolarmente indicato nel caso di produzioni di media o piccola dimensione, disegni molto complessi, necessità di riassortire nel tempo anche piccoli lotti o per tutti coloro che hanno la necessità di realizzare stampe differenti tra loro nello stesso ordinativo.

 

Come preparare correttamente i file per la stampa digitale diretta o DTG

A differenza delle altre tecniche, nella stampa DTG la preparazione del file risulta essere molto più semplice. Trattandosi di stampa digitale diretta, la qualità del file inviato per la stampa ne determina il risultato finale. Di tutti i metodi utilizzati per la stampa tessile, non essendo vincolata dall’utilizzo di matrici e/o pellicole, la stampa diretta permette di stampare qualsiasi tipologia di artwork, anche con scarsa qualità.

Vantaggi del DTG

  • possibilità di stampare immagini dettagliate e fotografiche
  • Ideale per piccole forniture (anche singoli campioni)
  • nessun investimento di produzione iniziale

Svantaggi del DTG

  • non indicato per grandi quantitativi
  • posizionamento standard del design sul prodotto
  • non è possibile utilizzare colori speciali

 

CONCLUSIONI

 

Qual’è la tecnica di stampa migliore?

A fronte di quanto espresso in questo articolo, possiamo affermare che non esiste una tecnica di stampa migliore dell’altra. Ogni soluzione può essere una soluzione adatta per il lavoro richiesto e la scelta dipende generalmente dalla lavorazione stessa, dal design e dalla quantità necessaria.

Sia la stampa serigrafica che la stampa diretta producono stampe di qualità e durabilità nel tempo. Il termointaglio è invece più indicato per lavorazioni particolari e su quantitativi minimi.

Se dovessi avere ancora dei dubbi riguardo a quale tecnica prediligere sentiti libero di contattarci, saremo più che lieti di valutare insieme a te la tecnica di stampa più adatta alle tue esigenze.