Lasciamo un buon ricordo

Qualunque sia la vostra attività, ma soprattutto se lavorate nel campo dell’immagine e del design, i biglietti da visita sono un’importante segnale della vostra identità corporativa e personale.

Quante volte vi è capitato di sentir dire frasi come “La qualità dei nostri prodotti è il nostro biglietto da visita”? Un biglietto da visita crea una connessione ottimale tra voi, la vostra impresa e i vostri clienti. Per questo motivo, esattamente come succede nei siti web corporativi e delle presentazioni aziendali, i biglietti da visita possono diventare elementi interattivi, ma con il vantaggio indubbio di poter giocare con il senso del tatto e della vista: differenti texture, colori, materiali e forme.

Tutto questo per creare un primo impatto. Qualcosa che rimanga impresso nella carta e nella mente di chiunque entri in contatto diretto con noi e la nostra attività. Un legame vero con la persona che avete di fronte, che sia di tipo professionale o, perchè no, anche soggettivo.

La storia racconta che in Cina, durante gli antichi cerimoniali, ogni persona che si recava in visita presso un’altra persona usava annunciarsi con un ritaglio di carta, sul quale erano riportati il proprio nome e gli eventuali titoli che gli competevano. Pericle faceva spesso precedere le sue visite alla bella Aspasia da un dono, al quale univa un ritaglio di papiro sul quale era vergato il suo nome.

Originariamente erano dei semplici cartoncini manoscritti, verso la metà del ‘700 cominciarono a diffondersi sempre più modelli stampati, i primi esemplari con solo il nome della persona impresso, i successivi arricchiti da elementi decorativi, stemmi ed altre informazioni riguardanti la persona stessa.

Nell’era moderna, ogni operazione che intendiamo compiere è diventata di tipo digitale: l’invio di posta in forma elettronica, la firma di contratti, la conferma di partecipazione ad una riunione, la fatturazione. Talvolta le riunioni stesse, avvengono via webcam.

Ma allora perché un’oggetto con una storia alle spalle di oltre 2000 anni risulta essere ancora così in voga e richiesto in ambito professionale?

Semplice. Perché è una di quelle cose che il digitale non riuscirà mai a sostituire. Almeno non completamente.

Proprio come se si trattasse di un abito da indossare, il biglietto da visita rappresenta la prima forma di valutazione che viene percepita dal nostro interlocutore. Similmente ad una stretta di mano, uno sguardo, una parola, ecco che un semplice ritaglio di carta si trasforma in un punto di giuntura tra due persone. Una traccia lasciata nella memoria. Un segno indistinto ma efficace allo stesso tempo nella sua semplicità.

Ecco a voi 5 motivi per cui il biglietto da visita è ancora considerato essere un elemento importante nel business e perché dovresti sempre averne uno con te, in qualsiasi momento.

 

1. Lo scambio di contatti in formato digitale è impersonale.

Come ogni imprenditore ben sa, soprattutto nelle attività online, costruirsi una propria rete di contatti in ambito lavorativo consiste nel creare connessioni autentiche. L’invio di informazioni di contatto tramite whatsapp o via e-mail sul posto è sì conveniente, ma anche estremamente impersonale. Impegnarsi nel contatto visivo e nella conversazione è il modo in cui iniziano le relazioni vere. Due persone con la testa sepolta nei loro telefoni non creano alcun tipo di memoria significativa dell’incontro. Puoi trasferire facilmente le informazioni da un biglietto al tuo dispositivo mobile dopo la conversazione, quello si. Ma per tutto il resto, il biglietto da visita resta.

2. Sono lo strumento di marketing diretto più efficace.

L’email marketing, l’ottimizzazione dei motori di ricerca e i media a pagamento fanno tutti un ottimo lavoro nell’attirare potenziali clienti, ma non sono ancora efficaci come una riunione di persona conclusa con una stretta di mano ed uno scambio di biglietti da visita. Puoi incontrare un potenziale cliente in qualsiasi momento. Fiere, conferenze di settore, happy hour, lounge dell’aeroporto. Armarti di biglietti da visita ti garantirà di non perdere mai l’opportunità di creare un valido collegamento commerciale. Conservane un mazzetto in tasca, nel portafogli, nel fermasoldi o nella borsa del tuo laptop o tablet. Se ti dovesse capitare di incontrare un nuovo cliente, nell’eventualità della situazione, sarai preparato.

3. Un biglietto da visita è la prima impressione del tuo marchio.

Quando incontri una persona che potrebbe essere un’ottima prospettiva o un potenziale contatto, vuoi che lui o lei se ne vada con una buona prima impressione? O no? Un biglietto da visita fa molto più che trasmettere un indirizzo e-mail o un semplice numero di telefono. Quando porgo i miei contatti ad una persona appena conosciuta, non desidero che il mio marchio sia associato alla parola “economico”. Un negozio al dettaglio che cerca di fare una buona prima impressione non realizzerebbe mai un’insegna con un pezzo di cartone e un Uniposca®.

Ho la stessa mentalità quando si tratta dei miei biglietti da visita. Il mio obiettivo è fare un impressione memorabile, soprattutto se si tratta della prima. Biglietti da visita fustellati e di alta grammatura, sono sinonimo di robustezza. Elementi decorativi in oro, in argento. Un design creativo e studiato per descrivere al meglio il mio business. Biglietti inusuali, trasparenti, metallizzati, in legno, verniciati, con diversi rilievi, finiture e forme. Questi sono i biglietti che lasciano un’ottima prima impressione e fungono anche da buon rompighiaccio.

Non mi è mai capitato di non iniziare una conversazione dopo aver lasciato il mio biglietto da visita. Un biglietto da visita unico e creativo alimenterà ulteriormente l’interesse al dialogo. Sì, costano di più, ma pensa a quante spese inutili potresti tagliare, per investire nella tua attività. Soprattutto se sei una start-up e hai bisogno di un crearti un pacchetto clienti, resisti sul tavolo da ping pong da mettere in terrazzo o sulla macchina a cialde per l’ufficio e ottieni dei biglietti da visita ben realizzati, faranno un’ottima prima impressione.

4. I biglietti da visita creativi vengono condivisi, continuando a commercializzare per te. 

Un biglietto da visita è un oggetto fisico con cui un potenziale contatto lascia l’incontro. Il tuo marchio rimane con loro anche quando saranno lontani. Se incontri un cliente e scambi l’indirizzo e-mail e i numeri di telefono, ognuno di essi si allontanerà con l’altro contatto registrato sul cellulare: finisce lì. Se consegni un biglietto da visita creativo, con un’ottimo impatto, tale persona probabilmente lo mostrerà ad altre persone, mettendo te e il tuo marchio di fronte a potenziali clienti aggiuntivi.

5. I biglietti da visita mostrano che sei pronto.

Hai mai avuto qualcuno che scrivesse le sue informazioni su un tovagliolo da cocktail e te le passasse? Che ne dici di qualcuno che avesse un telefono cellulare con la batteria scarica? Non è l’approccio più professionale.

Se ti capitasse di parlare con due persone di cui una che si mettesse alla ricerca di una penna, magari chiedendo in giro per farsela prestare, e l’altra semplicemente tirasse fuori un biglietto da visita, con chi vorresti fare affari? Mostrare che sei preparato in ogni momento è un ottimo indicatore della tua professionalità e della tua persona. Non aver paura. Le conversazioni finiranno sempre e comunque con un “lascia che ti dia il mio biglietto da visita”, almeno per un po’.

 

Qui di seguito vi presentiamo 20 incredibili biglietti da visita creativi. E’ soltanto una serie di piccoli esempi che servono a dimostrare come davvero non esistano limiti nella creazione di qualcosa di estroso e di totalmente personale, come soltanto un biglietto da visita può essere.

Come ti senti riguardo ai biglietti da visita? Li usi ancora e li vedi che restano in giro per molto tempo? Condividi i tuoi pensieri nella sezione commenti qui sotto 😀